Alessandro e Roxy in giro per Israele

C’era una volta un bambino di nome Alessandro che ha quattro anni e vive nella sua casa con la mamma e il papà: non si separa mai da Roxy il suo fedele gatto nonché migliore amico. Una notte si sveglia di soprassalto e chiama subito la sua mamma dicendole di aver fatto uno stranissimo sogno: la mamma si siede nel letto vicino a lui e lui è talmente euforico che addirittura con le sue urla sveglia Roxy. La mamma lo tranquillizza e lui le racconta il suo strano sogno.

Si trovava in un’astronave tutta verde e con i pulsanti dai comandi blu, che andava più veloce della luce e c’era Roxy al suo fianco, con la tipica tenuta da astronauta a misura da gatto. Ad un certo punto Alessandro spinge il pulsante con scritto ‘discesa’, l’astronave atterra e lui e il gatto si trovano in un posto meraviglioso  che non avevano mai visto prima: “che bello c’è il mare”, pensa tra sé e sé Alessandro che ha una gran voglia di farsi un bel bagno.  Si avvicina e vede un cartello con scritto ‘mar morto’. Oh no, non ha il costume! Chiude gli occhi li riapre ed eccolo che indossa il suo costume preferito, quello con le macchinine rosse. Alessandro va verso il mare, si prepara per fare un tuffo ma non va giù, rimane a galla… incredibile! Sembra di stare in una gelatina gigante! Roxy essendo un gatto ha paura dell’acqua e rimane a riva a guardare incuriosito il padrone; quel mare è fantastico e Alessandro fa la stella marina che ha imparato nelle lezioni di nuoto con il maestro Piero. Va sulla riva e vede una cosa strana, nera, sembra terra bagnata e se la spalma addosso sulle braccia, sulle gambe  e anche in faccia: wow la pelle così fresca! Si sciacqua ed esce da quel mare insolito, con la pelle morbida come la seta. Che bello questo Mar Morto!

Là vicino c’è una bicicletta con le rotelle con il cestino posto sul manubrio davanti che somiglia molto alla sua e parte con Roxy lasciando lì l’astronave… ma chi ha voglia di tornare a casa?! Inizia a pedalare e vede un cartello ‘sentiero dello zucchero’, che strano nome! Continua continua con il suo gatto Roxy che guarda meravigliato il panorama… “wow, che vista mozzafiato!” … ci sono tantissime montagne, come quelle che gli ha fatto studiare la maestra Franca. Pedalare è molto faticoso e adesso Alessandro è stanco ed ha fame e proprio in quel momento vede un cartello con su scritto Gerusalemme. Scende dalla bici, prende Roxy in braccio, e si avvia verso un mercato, attirato da un profumino invitante che proviene da un banchetto: un signore sta cucinando quelle che somigliano proprio a delle polpette. Sì, sembrano proprio polpette buonissime, anche se non sono proprio quelle che gli prepara la nonna, perché contengono delle spezie che Alessandro non conosce. “Sai, si chiamano Falafel” dice il signore baffuto “e sono a base di ceci e spezie”. “Ah!” esclama Alessandro “devo ricordarmi di dire alla nonna di cucinarmele quando torno a casa”, pensa ad alta voce il bambino.

Perbacco, ma è già ora di tornare a casa! Alessandro prende Roxy, chiude gli occhi e si ritrova davanti all’astronave, si rimette la tuta e clicca il pulsante per partire e tornare indietro. Dopo pochi minuti si sveglia e… ha appena vissuto un viaggio incredibile, in una terra chiamata Israele…

 

Vivi anche tu la tua favola, parti alla scoperta di questa magnifica Terra!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.